domenica 13 gennaio 2013

Gli ormoni in fregola


Uffa. Era da tempo che non mi succedeva e adesso che ci sono ricascata non me ne capacito. Credevo di aver raggiunto la pace dei sensi, che ormai un certo tipo di ginnastica non mi interessasse più. Tutta colpa dell'ultima relazione, che mi ha intorpidito i sensi e fatto credere di essere quella che in realtà (e avrei dovuto capirlo benissimo, visto che mi consoco) non sono.
Beh, fatto sta che a differenza di quel che credevo (o che ho finto di credere, o che ho nascosto a me stessa, o che ho preferito celare, o chemminchianeso? - sì, purtroppo ogni tanto la mia parte camionista prende il sopravvento) i miei sensi non sono per niente intorpiditi. Anzi, sono svegli più che mai.
Che a volte mi verrebbe da dirgli "ok, ragazzi, ho capito, ma che ci posso fare se nel mio panorama attuale non c'è nessuno di così valido da poter essere preso in considerazione?". Ma niente, loro scalpitano, esigono, si guardano intorno al posto mio, confabulano fra di loro, fanno commenti.
"E quello? Che ne pensi di quello?"
"Carino è carino, sì. Si potrebbe fare..."
"Uh, guarda quell'altro? Non è delizioso?"
"E perché quello lì lo butteresti via? No, dico, lo butteresti via?"
E via di questo passo. Così io, nonostante faccia le solite cose di sempre cercando di minimizzare il tutto con estrema nonchalance, in realtà osservo, scruto, guato, sbircio, e mi metto a parlare con "loro", i miei ormoni.
Anche l'altra sera, in discoteca. Dopo ANNI che non ci andavo, finalmente una serata con la musica che adoro di più in assoluto, la Disco anni '80!
Preparazione ad hoc con l'aiuto dell'amica e coinquilina, capello vaporoso, trucco leggero, qualche semplice accessorio, scarpa bassa e via. Magari stasera cucco, ho pensato.
Seeeeeeeeeeeee, come no? Non appena messo piede in pista non è esistito più niente e nessuno. Amici? C'erano? Gente? Ce n'è? Bere? E chi ha sete? Lasciatemi ballare! Altro che cucco. Quando la musica chiama, anche gli ormoni tacciono e si beano del sound degli eighties!
Niente, sarà per un'altra volta. Nel frattempo ho delegato "loro" a guardarsi intorno per me. Hai visto mai che magari siano più fortunati.

(In realtà non è proprio così... uno che avrei preso a mozzichi c'era ma come si fa... Non sono una di quelle che prende l'iniziativa. A me piace ancora che sia l'uomo a farsi avanti e lui... beh, ecco, lui ballava. Ecco. Morirò sola e in attesa dell'uomo intraprendente. Lo so.)

Like a virgiiiiiiiin...
Touched for the very first tiiiiiiime...

lunedì 24 dicembre 2012

Sorridi

Un augurio per tutti voi. E mentre leggete, ascoltate "Smile" cantata da Nat King Cole. :) Buone Feste!